Mar
30
2009

lectio divina – 5a domenica di quaresima

A cura di Patrizia Morandi

LETTURE: Ger. 31,31-34; Sal. 50; Eb. 5,7-9; Gv. 12,20-33

Anno B – 29 marzo 2009

Siamo qui davanti alla PAROLA DI DIO per leggerla e rileggerla facendo una LECTIO DIVINA, cioè cercando di mettere in rilievo gli elementi portanti, le parole che ci colpiscono di più, meditando la PAROLA, cercando di comprenderla, gustarla. Stiamo davanti al mistero più affascinante che esista, finchè non ne abbiamo scoperto LA PERLA PREZIOSA che è IL MISTERO DI CRISTO.

Entriamo in un “clima” non di chiacchere, né di opinioni, ma di “VERITA’” che ci consente di passare dall’esperienza della riflessione meditativa alla contemplazione per trasformare, grazie alla POTENZA DELLO SPIRITO SANTO, tale PAROLA in VITA VISSUTA, in AZIONE EVANGELICA.

Vorrei iniziare prima di leggere le letture con un pensiero di santa Maria Faustina Kowalska che nel suo diario scrive:

“UN GRANDE AMORE trasforma le piccole cose in cose grandi e SOLO L’AMORE DA’ VALORE ALLE NOSTRE AZIONI e, tanto più il nostro AMORE diventa PURO, tanto meno il fuoco della sofferenza avrà da distruggere in noi e la sofferenza per noi cesserà di essere sofferenza. DIVENTERA’ per noi UNA DELIZIA. CON LA GRAZIA DI DIO ora ho ottenuto questa predisposizione del CUORE, CIOE’ NON SONO MAI TANTO FELICE, COME QUANDO SOFFRO PER GESU’ CHE AMO CON OGNI PALPITO DEL CUORE”.

VEDIAMO ora che cosa ci dice L’AMATA PAROLA DI DIO:

Le letture della V domenica di Quaresima ci mettono davanti al mistero dell’ AMORE INFINITO di DIO per l’umanità, un AMORE che non viene infranto MAI da DIO e che, nonostante l’infedeltà degli uomini nella prima alleanza stipulata su tavole di pietra, EGLI ne stabilisce UNA NUOVA.

Ma cosa significa NUOVA ALLEANZA?

Perché è una NUOVA ALLEANZA?

Perché il rapporto, L’ALLEANZA che DIO STABILISCE CON L’UOMO E’ SENZA PRECEDENTI, non è condizionata alla fedeltà dell’uomo, ma UNICAMENTE FONDATA sulla GRATUITA INIZIATIVA DI DIO.

DIO ha creato tutto l’universo e l’uomo in vista della VITA ETERNA, non per la distruzione, né per la morte. Ha creato l’uomo A SUA IMMAGINE E SOMIGLIANZA non come un artista crea un oggetto inanimato o come un dittatore che ha dei sudditi che sono costretti ad obbedire per forza, ha voluto renderci PARTECIPI della sua stessa NATURA DIVINA e quindi ci ha creati LIBERI.

Cosa vuol dire LIBERI? Vuol dire che possiamo anche rifiutare il suo amore, accoglierlo, ascoltarlo e dargli retta e quindi vivere IN COMUNIONE DI AMORE CON LUI o rifiutarlo e vivere da lui separati.

. Con la SUA PAROLA ci ha creati e con la SUA PAROLA, che noi dobbiamo ASCOLTARE, ci istruisce su come ci dobbiamo comportare per diventare SUOI FIGLI AMATI e BENEDETTI.

ASCOLTARE la SUA PAROLA e VIVERLA non ci “schiaccia” come può fare un dittatore con un suo suddito, essere servo di qualcuno per costrizione, come un mercenario, non è la stessa cosa che essere servi liberamente PER AMORE, da un amore mercenario si passa all’AMORE DI AMICIZIA e di FIGLIOLANZA.

Questa PAROLA invisibile, ma udita nell’A.T., si è INCARNATA, si E’ FATTA CARNE, visibile, toccabile nella PERSONA di CRISTO, simile in tutto all’uomo fuorché nel peccato, quindi IN CRISTO le due nature umana e divina sono presenti nella stessa PERSONA ed è DIO LUI STESSO, vero UOMO e vero DIO insieme in un’unica REALTA’. Non è un’immaginazione, una figura inventata, una favola, ma è una VERA PERSONA IN CARNE ED OSSA.

DIO-PADRE ha tanto amato l’umanità da non desiderare altro che la VITA, il BENE per l’uomo, per questo ci ha donato IL SUO FIGLIO UNIGENITO GESU’.

Il vincolo di AMORE che DIO aveva DA SEMPRE PROGETTATO e infranto dall’uomo, da Adamo in poi con la disobbedienza, si realizza con la perfetta obbedienza di CRISTO.

Questa NUOVA ALLEANZA si realizza nel DONO LIBERO E VOLONTARIO DELLA VITA DI CRISTO.

CRISTO si affida senza riserve all’AMORE DEL PADRE con un atto di TOTALE ABBANDONO che E’ DONAZIONE LIBERA e, PROPRIO PER QUESTO, diventa FECONDA DI VITA.

IL FRUTTO che ne scaturisce dall’OFFERTA INCONDIZIONATA della vita di CRISTO, rappresenta il pieno compimento della PROMESSA DIVINA espressa dal profeta Geremia.

IN GESU’ l’UMANITA’ HA PRONUNCIATO IL SUO “SI’” PIU’ PIENO.

Un VINCOLO COSI’ SALDO CHE NULLA POTRA’ MAI SPEZZARE, perche NEL DONARSI OBBEDIENTE DI GESU’ si instaura UNA RELAZIONE DI CONOSCENZA e di AMORE così INTIMA da far coincidere VOLONTA’ DI DIO E VOLONTA’ DELL’UOMO.

Questa NUOVA ALLEANZA E’ SCRITTA COL SANGUE DI CRISTO

Tale ALLEANZA è scritta direttamente NEL CUORE degli uomini.

La “trasformazione” che avviene non è esteriore e fuori dall’uomo, ma INTERIORE, AGISCE ALL’INTERNO.

La NUOVA LEGGE TOCCA IL CUORE DELL’UOMO.

Sotto l’influsso dello SPIRITO DI DIO che dà all’UOMO UN CUORE NUOVO si diventa CAPACI DI CONOSCERE DIO GRAZIE AL SACRIFICIO DI CRISTO che ci ha VISIBILMENTE MOSTRATO L’AMORE CHE SI DONA FINO ALLA MORTE.

Un AMORE così GRANDE in obbedienza AL PADRE da scendere nelle profondità della condizione umana e redimerla, salvarla, proprio morendo come il CHICCO DI GRANO che se non muore non porta frutto.

In che modo? Accettando tutto della condizione umana, la nascita in condizioni di povertà, la vita nel nascondimento, un lavoro ben fatto nella quotidianità, anche la morte, la stessa sepoltura, tutto fuorché IL PECCATO.

Infatti la morte è entrata nel mondo proprio a causa della disobbedienza, del PECCATO degli uomini, DIO nella sua “pedagogia divina” non ha tolto la croce e la morte, ma in CRISTO l’ha resa benedetta, benedetta perché IN CRISTO LA MORTE NON HA AVUTO ALCUN POTERE, L’HA SCONFITTA DEFINITIVAMENTE CON LA SUA STESSA MORTE E RESURREZIONE. IN CRISTO NON C’E’ ALCUN VELENO DI DISOBBEDIENZA e quindi ha sconfitto anche satana che della morte delle anime ha il potere, per cui anche LA NOSTRA VITA INNESTATA IN QUELLA DI CRISTO diventa anch’essa partecipe della stessa sorte di CRISTO.

Per questa sua adesione perfetta alla volontà del PADRE, GESU’ ha “riscattato” l’umanità peccatrice col SUO SACRIFICIO D’AMORE, donando LA SUA VITA in obbedienza al PADRE e in DONO D’AMORE GRATUITO PER SALVARE TUTTA L’UMANITA’ peccatrice.

IN LUI non c’è ingiustizia, Egli ha amato tutti, amici e nemici, ha perdonato i peccati, ha guarito. E’ IL SALVATORE dell’umanità, perché ci fa vedere nella sua PERSONA, IL VOLTO DELL’AMORE DEL PADRE.

“DIO E’ AMORE” CHE SI DONA, che dona LA VITA per salvarci dalla morte del peccato e chiunque RIMANE nell’AMORE DI DIO sente interiormente questo amore che si diffonde nel cuore.

Dice GESU’: “Io busso continuamente e se uno mi apre la porta DEL CUORE io e il PADRE verremo e prenderemo dimora presso di lui e ceneremo con lui”

GESU’ dice: “Chi vede me vede il Padre e chi ascolta me ascolta colui che mi ha mandato”.

Quando si riceve un dono si dice “GRAZIE”, così quando riceviamo il DONO GRANDE DELL’AMORE DI DIO che si riversa nei nostri cuori dobbiamo RINGRAZIARE.

Quindi a noi sta solo ACCOGLIERE IL DONO DEL SUO AMORE, CUSTODIRLO FEDELMENTE, SEGUIRE IL SUO ESEMPIO.

Dal cat. Della chiesa catt. al n° 782: “IL POPOLO DI DIO, NON E’ PER NASCITA FISICA, MA PER LA NASCITA DALL’ALTO DALL’ACQUA E DALLO SPIRITO. CIOE’ MEDIANTE LA FEDE IN CRISTO E IL BATTESIMO.

Vogliamo VEDERE GESU’?

Ma come si fa a vederlo?

Per Giovanni VEDERE GESU’ comporta quindi l’APERTURA DEL CUORE e lo SGUARDO DELLA FEDE.

Queste sono le condizioni indispensabili per cogliere l’IDENTITA’ DI GESU’ come FIGLIO DI DIO, ma soprattutto occorre ENTRARE IN COMUNIONE CON LUI.

Fare questo INCONTRO con LA PERSONA di GESU’ comporta un cambiamento RADICALE DI VITA, implica LA SEQUELA.

SEGUIRE GESU’ comporta UNA SCELTA DI VITA CHE SI FA DONO PER GLI ALTRI.

C’è chi dice che basta non aver ammazzato nessuno e che comportarsi bene è sufficiente.

Certo l’obbedienza ai comandamenti è necessaria, ma GESU’ E’ MOLTO PIU’ ESIGENTE.

ESSERE CRISTIANI IMPLICA LA SEQUELA di GESU’.

CRISTO E’ LA PERLA PREZIOSA, IL TESORO NASCOSTO, per cui vale la pena VENDERE TUTTO per seguirlo fino alla morte.

CRISTO E’ LA VERA RICCHEZZA PERCHE’ DONA LA VERA VITA PER L’UOMO.

LA VITA E’ IL BENE PIU’ PREZIOSO CHE ABBIAMO e che cosa ce ne facciamo di tanti egoismi che sono frutto di chimere e illusioni prettamente umane (potere, successo, ricchezza, sensualità ecc…) se poi perdiamo eternamente L’ANIMA e quindi LA VERA VITA?

Chi si aggrappa a queste cose e le ritiene come la propria “sicurezza” conoscerà un’esistenza chiusa, se invece come IL CHICCO DI GRANO sa morire ai propri egoismi, ai propri peccati porta FRUTTO, cioè chi sa OFFRIRE CON AMORE LA PROPRIA VITA COME DONO DI SE’ SE LA RITROVERA’ IN PIENEZZA PER L’ETERNITA’.

IL VALORE DI UNA PERSONA E’ LEGATO A CIO’ CHE DONA.

DONARSI A DIO come GESU’ in modo TOTALE e INTEGRALE e dedicarsi completamente a LUI PER LA COSTRUZIONE DEL SUO REGNO DI PACE, DI GIUSTIZIA E DI AMORE è la chiave per il PARADISO.

Facendo entrare LUI nel nostro CUORE, accoglierlo, assimilarlo, ascoltarlo, vivere ciò che ci dice di fare, secondo ciò che LIBERAMENTE ci sentiamo ispirati a fare, è la CHIAVE PER ESSERE VERAMENTE FELICI in qualsiasi situazione ci troviamo a vivere.

EGLI ci sostiene con LA SUA FORZA, con LA SUA GRAZIA e con IL SUO AIUTO riusciamo ad essere capaci di AMARE secondo il CUORE DI DIO perché E’ LUI che SI FA INTIMO CON NOI ed ENTRA IN RELAZIONE CON NOI DENTRO DI NOI.

Solo facendo un CAMMINO SERIO CON GESU’ E’ POSSIBILE RIUSCIRE A MORIRE AL PECCATO e RINASCERE e RINNOVARCI ogni giorno.

LUI E’ IL PASTORE, LA GUIDA, LA VIA CHE CI RICONDUCE AL PADRE, “DIETRO A LUI MI SENTO SICURO”, perché so che mi rende capace di affrontare le prove della vita senza affondare e mi rende capace anche di affrontare LA CROCE, LA SOFFERENZA COME INTIMA PARTECIPAZIONE ALLE SUE SOFFERENZE e in questo modo anch’io posso compartecipare alla salvezza di altre anime, grazie anche alla mia adesione libera e volontaria alla volontà di DIO donando anche la mia vita a DIO.

Alla fine di una VITA SPESA PER AMORE DI DIO E PER AMORE DEL PROSSIMO, IL PREMIO E’ DIO STESSO E LA COMUNIONE DI VITA ETERNA CON LUI CHE E’ VIVO E RISORTO DALLA MORTE ed anche io, se accolgo questo grande DONO e INCARNO e VIVO OGGI LA SUA PAROLA e gli RESTO FEDELE SINO ALLA MORTE, avrò la stessa sorte, potrò CONVERSARE CON DIO, ABBRACCIARLO, ABBRACCIARE I MIEI CARI E RIVEDERE TANTE PERSONE A CUI VOGLIO BENE.

Per questo la vita va sempre rispettata perché non è frutto di un prodotto-oggetto di una catena di montaggio per produrre ricchezze materiali e basta, ma LA VITA E’ UN DONO GRATUITO FRUTTO DELL’AMORE DI DIO.

L’AMORE NON HA PREZZO e non si può calcolare secondo parametri umani.

E’ nel CUORE dell’uomo che si sente UNA LOTTA, UN COMBATTIMENTO.

DIO ha scritto LA SUA LEGGE NEL CUORE DELL’UOMO, nonostante questo c’è insito in esso anche una spinta al male o al bene.

E’ evidente che IN CRISTO, CHE E’ IL CUORE DELL’UNIVERSO e TUTTO E’ STATO CREATO PER LUI E IN VISTA DI LUI, C’E’ LA MEDICINA che mi aiuta a vincere il male e il peccato che è dentro di me, che mi aiuta ad eliminare tutte le mie fragilità.

Se non accolgo CRISTO vuol dire che, o non comprendo l’importanza del dono, o preferisco le tenebre alla luce, se invece lo accolgo EGLI, CHE E’ LA LUCE, MI DONA ANCHE DI VEDERE LA REALTA’ SECONDO IL PUNTO DI VISTA DI DIO e non secondo le varie opinioni, menzogne e vanità che passano.

DIO non cessa di attirare a sé gli uomini “attirerò tutti a me”, i quali cercano nella propria vita la GIOIA e la FELICITA’ nei modi più disparati.

Soltanto però IN DIO, troverà la risposta a tutte le sue domande, troverà LA VERITA’, LA PACE, LA FELICITA’ VERA che cerca.

Nella Gaudium et Spes leggiamo: “La ragione più alta della DIGNITA’ DELL’UOMO consiste nella SUA VOCAZIONE ALLA COMUNIONE CON DIO.

Fin dal suo nascere l’uomo è invitato AL DIALOGO CON DIO: non esiste, infatti, se non perché CREATO PER AMORE DA DIO, DA LUI SEMPRE PER AMORE E’ CONSERVATO, NE’ VIVE PIENAMENTE secondo VERITA’ se non LO RICONOSCE LIBERAMENTE e se non SI AFFIDA AL SUO CREATORE”.

Se accolgo l’amore sovrabbondante che CRISTO riversa nei nostri cuori, anche se sono il più piccolo, l’ultimo esserino della terra io sento che c’è qualcuno che non mi schiaccia e che mi ama come UN PADRE ama IL FIGLIO, LA FIGLIA.

MI AMA E BASTA.

Gioisce con me, fa festa per me, imbandisce e apparecchia la tavola per me e ci mette non gli avanzi, ma i cibi più gustosi e raffinati, mi dona abiti non usati, ma nuovissimi, soffre anche con me.

Compartecipa in tutto quello che mi capita sia alle mie gioie che ai miei dolori.

Comprendo che DI LUI MI POSSO FIDARE CIECAMENTE.

Ed ecco il miracolo di UN CAMPO DI GRANO TUTTI GLI ANNI, IL MIRACOLO DI UN PANE CHE SI SPEZZA PER AMORE E CHE VUOLE MOLTIPLICARE LA GIOIA e renderne partecipi le moltitudini delle genti.

LA GIOIA DIVENTA CONTAGIOSA e L’AMORE VUOLE ESPANDERSI SEMPRE PIU’, donare anche ad altri la stessa gioia, perché E’ BELLO CONDIVIDERLA.

Ed ecco che OGGI tocca a noi fare vedere GESU’ agli altri, adesso siamo noi che dobbiamo farlo vedere, diffonderne la gioia.

Perché, come adesso io mi sento amata da DIO, anche altri possano APRIRE IL CUORE A CRISTO e ACCOGLIERLO e abbandonare una vita di peccato, di morte, di disperazione e di tenebra.

Dove GESU’ passa e penetra nei cuori, nelle ANIME ben disposte ad accoglierlo e ben radicate in LUI come TERRE BUONISSIME, esse portano dentro di sé questa RICCHEZZA, questo TESORO che è l’AMORE DI CRISTO, allora TORNA LA GIOIA, TORNA LA VITA, L’ARMONIA e SI FA DI NUOVO FESTA, con CANTI, MUSICHE E DANZE.

Ogni esserino, ogni PERSONA VALE per il SIGNORE, perché LUI CI AMA TUTTI DI UN AMORE SCONFINATO. Se vogliamo una migliore “integrazione” e migliore RELAZIONE fra le persone dobbiamo prima INTEGRARCI sempre meglio con GESU’ e accoglierlo nei nostri cuori.

La “trasformazione” della propria vita per alcuni, come san Paolo, è stata repentina, per altri può richiedere più tempo.

E’ DIO che ci fa crescere. A noi sta ricambiare con l’obbedienza per amore e la riconoscenza che il dono ricevuto è al di sopra di ogni nostro merito.

Banner

Libreria del Santo

Eventi

<<Feb 2020>>
LMMGVSD
27 28 29 30 31 1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 1